RELITTI

Viene considerato relitto quanto rimane di una nave dopo l’affondamento (naufragio) o l’arenamento a seguito di guasto, incidente o azione di guerra in mare.
L’immersione subacquea nei relitti attrae moltissimi appassionati in tutto il mondo, tanto che in molti Stati navi non più in uso vengono affondate, per poter ricreare habitat artificiali, solitamente in luoghi dove il fondale non offre ambienti attrattivi sia per l’uomo che per la flora e la fauna marina.
Questo in Salento non è necessario perché lungo le sue coste molte navi e aeroplani si sono inabissati, soprattutto durante la Seconda Guerra Mondiale.
Il Salento, crocevia di popoli da millenni, permette di toccare con mano e bombole la propria storia, avvenimenti del passato che hanno lasciato il loro segno nel mare che ci circonda.
Denis Vergolini ha visitato per l’Associazione Salento Da Mare molti dei relitti al largo della costa salentina e in questa sezione troverete le splendide immagini delle sue immersioni. Ma tanto resta ancora da scoprire e molto altro da visita.
Pronti ad esplorare con noi questi mondi?

Relitto a Torre dell'Orso

Immersione nello splendido mare al largo di Torre dell’Orso, gioiello della costa salentina per riprendere un relitto.

ADONIS

Tanti sono i dubbi che riguardano l’identità e le cause dell’affondamento della nave che giace a 72 mt di profondità, a circa tre miglia dalla costa di Otranto.

CATERINA MADRE

Nel 2010 un gruppo di subacquei Salentini è riuscito a rintracciare il piroscafo Caterina Madre affondato nelle acque di Gallipoli.

Kaptan Tevfik I

La nave cargo Kaptan Tevfik I lunga circa 80 mt battente bandiera turca era partita dal porto di Ortona (Chieti) ed era diretta in Algeria.

PIETRO MICCA

L’unità sottomarina prese il nome dal soldato minatore piemontese che si sacrificò eroicamente per salvare la città di Torino.

VERA K

Il Vera K era una nave da carico. Abbandonata, usata come bersaglio militare e distrutta quasi completamente. Si trova oggi a 11 mt di profondità vicino Paphos.

Messerschmitt Bf 109

Messerschmitt Bf 109
Un aereo da caccia monomotore, monoplano ad ala bassa sviluppato negli anni trenta

DAKOTA C-47 DOUGLAS

Il DAKOTA C-47 DOUGLAS della nostra storia era ancora un aereo militare e svolgeva un ruolo di trainer nel periodo post bellico

frangi

Peschereccio di nazionalità italiana varato nel 1969 con il nome Andreina. Negli anni ’70 il nome viene modificato in Frangi.

Lira

Nave cisterna per acqua della Marina Militare Jugoslava. Varata come nave da trasporto con il nome Jastog nel 1956.

NEURALIA

Nel 1944 partecipò, in qualità di nave appoggio allo sbarco in Normandia, dopo l’invasione da parte delle forze alleate, e compì circa 14 viaggi.

SANANDREA

Si tratta del relitto di una grossa nave che trasportava carburanti, esplosa durante la seconda guerra mondiale in seguito ad un attacco aereo.

ATTILIO DEFFENU

Costruita nei cantieri Ansaldo di Sestri Ponente tra il dicembre 1927 ed il giugno 1929 per la Compagnia Italiana Transatlantica (CITRA).

JUNKER 88

Come si sia inabissato in quel tratto di mare non è dato saperlo. Molti appassionati ed esperti di mare e di storia lo hanno cercato per anni.

MINA

Nelle acque italiane furono rilasciate circa 25.000 mine navali italiane a forma sferica utilizzate per affondare le navi che vi urtavano contro.

QUAIL

L’HMS Quail (G45) era un cacciatorpediniere di classe Q lungo 109,19 mt il cui motto era “Sarò pronto al segnale”.

PUGLIOLA

I primi sub che si immersero riconobbero da subito i resti di una nave militare da trasporto dalla forma stretta e affusolata.

Samuel J. Tilden

La nave a 55 metri di profondità di fronte al porto di Bari è il liberty americano «Samuel J. Tilden» affondata il 2 dicembre 1943.
Contattaci

Risponderemo alle tue esigenze.

This site is protected by WP-CopyRightPro